IL DRONE SALVA DISPERSI RACCONTATO DA LGS DRONI DI BRA

drone-per-soccorso-e-ricerca-dispersi.jpg

Oggi noi di LGS Droni, Azienda che si occupa di servizi di droni in vari settori, con sede a Bra, in provincia di Cuneo, ma attiva su tutto il Territorio Piemontese, da Torino ad Asti, Da Alessandria a Vercelli coprendo tutte le città più importanti delle Langhe e Roero, tra cui Alba, Cherasco, Barolo, La Morra, Serralunga d'Alba e Monforte d'Alba, vi parla di un nuovo servizio drone che sta per essere lanciato in Italia: si chiama Airborne. 

L'idea nasce da una tragedia avvenuta un anno fa, quella dell'hotel Rigopiano di Farindola (Pescara), quando una slavina si è staccata dal Monte San Vito, travolgendo il resort e togliendo la vita di 29 persone.

In quella tragedia, è stata chiara la difficoltà dei soccorritori ad intervenire tempestivamente: ore di cammino in mezzo alla neve hanno rallentato l'intervento. 

Per evitare difficoltà come queste e per salvaguardare chi interviene, l’università di Bologna ha messo a punto un drone capace di perlustrare rapidamente zone inaccessibili, anche di notte e anche in condizioni estreme e difficili.

«Un quadricottero, di un paio di kg, che grazie a dei sensori Artva (apparecchi di ricerca dei travolti in valanga, nda) può intercettare i segnalatori d’emergenza usati dagli sciatori in meno di un minuto, fino a 300 metri di distanza e sotto un metro di neve» - spiega Lorenzo Marconi, professore del dipartimento di Ingegneria elettrica e dell’informazione (Dei) dell’ateneo bolognese - Nel caso di dispersi sprovvisti di tale tecnologia, è previsto l’impiego di un drone più grande (circa 4 kg) dotato di micro-radar Recco, un sistema elettronico che consente di ritrovare persone sommerse».

Non solo: il drone sarà in grado di interpretare il tono di voce e il comportamento dei soccorritori, che potranno impartire ordini vocali o gestuali ai droni attraverso microfoni, bracciali dotati di sensori o dispositivi mobili, così da rendere il più semplice possibile la loro gestione.

Un progetto che fonde insieme esseri umani, droni e robot terrestri e che mira a salvaguardare ambiente e persone.

Si punta a rendere reale e utilizzabile in qualunque condizione meteorologica questo drone in massimo 3 anni, provando anche a mantenere i costi limitati.

«Una tecnologia “sociale”, applicata nel contesto dei soccorsi umanitari, da noi definito “mercato orfano”, perché non attrattivo per i grossi player industriali, privo di business e non finanziato dalle amministrazioni per mancanza di fondi – conclude Lorenzo Marconi – L’idea è quindi di fornire i droni in comodato d’uso, una sorta di Pay4Use, con un canone al minuto per l’utilizzo».

Cristian Montà

SMART CREATIVE LAB, 16 Via San Rocco, Bra, Piemonte, 12042

Smart Creative Lab nasce dalla passione per il Web di un gruppo di ragazzi entusiasti di lavorare in questo magnifico mondo. Da allora ad oggi la creatività ci ha portato ha fare grande esperienza nella realizzazione di siti web, e-commerce, portali web di grande impatto, efficaci,funzionali e personalizzati alle reali necessità dei Nostri Clienti. La nostra filosofia che ci contraddistingue è la reale soddisfazione del cliente e il raggiungimento dei suoi obbiettivi attraverso il nostro lavoro.  Smart Creative Lab vive per portarvi a raggiungere il Vostro obbiettivo. Non ci credete? Provateci!